ESCURSIONI 2017 n. 29 Totale 480

ESCURSIONI 2017

(29 PARTECIPANTI)
Inizio 22/05 – Ultima 15/10
22/5 –  Laura Ferri – Torinese, ha sposato un catanese. L’ho conosciuta, assieme al marito, nel 2009 mentre erano in vacanza a Catania, ma ha potuto fare l’escursione solo nel 2011, riprovandoci (lato Stazione) nel novembre del 2015. Una volta passava le vacanze a Catania ma, innamorata della città, ormai si è trasferita quasi stabilmente, frequentando S.G.L.C senza preoccuparsi delle stagioni. Approfittando della bella giornata, stavolta ci siamo spostati sino ad Ognina, vedendo qualche grotta in più.  😆 

24/5  Maurizio Urso – Classe 1958 – Sposato con Laura Ferri è alla sua terza escursione ed anche con lui ci siamo spinti fino ad Ognina. Come si può constatare dall’abbronzatura, è un frequentatore abituale di S.G.L.C. e, da buon pagaiatore, si è dato da fare per tutto il percorso con una deviazione inattesa per andare a recuperare un “galleggiante” che un pescatore aveva perso. Ritorno più veloce causa vento a favore, annullando la negatività del mare che aveva cominciato ad incresparsi. 🙂

28/5   Nina Costa – Altra frequentatrice assidua di San Giovanni Li Cuti ha fatto la prima escursione, non programmata, nel 2015 verso Ognina. Quest’anno ci siamo avventurati verso la Stazione ma lei, preoccupata dal sole che picchiava forte, ha voluto tenere il copricapo e quindi la foto non è riuscita perfetta. A differenza del 2015 quando non ha pagaiato, stavolta si è data veramente da fare, collaborando sia all’andata che al ritorno.  😉 

13/6   Rosario Foti – Classe 1948 – Docente di elettronica in pensione – Calciatore della Stella Azzurra, squadra da me allenata, nei primi anni ’60, prima di continuare la sua carriera a livelli più alti. Aveva preso l’impegno di farla e stamattina ha deciso, facendomi una bellissima sorpresa. Abbiamo rivisto, via mare, i luoghi della nostra fanciullezza con un bellissimo amarcord, completando il tutto con un bel bagno all’imboccatura del porticciolo.  😎 

17/6 –  Jonathan La Fata – 18 anni – IPIAM Cristoforo Colombo Catania – E’ uno studente che si sta allenando per la
regata di barche a remi che si terrà nel porticciolo di S.G.L.C. in occasione della festa di San Giovanni, un gruppo abbastanza numeroso che utilizza le attrezzature del nostro circolo. Da me invitato, ha accettato di buon grado, approfittando di un giorno di pausa negli allenamenti. Penso sia rimasto soddisfatto, approfittando anche della bellissima giornata, del mio “travaso” di memoria storica di una sessantina di anni fa.  😆 

28/6 –  Alessio Leanza – 16 anni – IPIAM Cristoforo Colombo Catania – 3° anno – Nipote di Antonio Leanza, mio calciatore con la Stella Azzurra negli anni ’60 e quindi con la richiesta subito accettata. Preciso e puntuale alla partenza e subito interessato e a suo agio. Temperatura superiore ai 40°, neanche un filo di vento, mare calmo e, stranamente, anche limpido e pulito. Ci siamo tuffati almeno 6 volte, durante il tragitto, per rinfrescarci ed all’arrivo sembrava molto soddisfatto. Io forse un po’ meno considerando i suoi 92 Kg. record stagionale.  🙄 

28/6 –  Melo Fazio – 15 anni – Un nuovo adepto del Club “CAPU, MU FA FARI ‘N GIRU?” con qualche problema iniziale, poi finalmente un appuntamento disdetto dopo qualche ora, ma anticipato di qualche giorno. Subito a suo agio e subito interessato, c’è stato un continuo scambio di opinioni, rispondendo, con particolare acume, a tutti i miei quesiti durante il tragitto. Bagni a tinchitè, causa temperatura record, con mare leggermente mosso all’inizio, diventato perfetto al ritorno. Mi sento di definirla una delle più interessanti escursioni degli ultimi anni conclusa con un  “occhiello” finale: “U sapi ca m’addivittii stamatina?”. Appena arrivati mi ha chiesto di farsi un giro da solo per andare dagli amici alla “timpa” ed è stato anche accontentato e, dopo una mezzora, sono tornati in due con un altro ragazzino al seguito. Altro giro, altra corsa.:-D 

05/07 –  Seby Aliotta – 14 anni – Alberghiero “Karol Wojtyla ” – Incontrato ieri a mare e subito iscritto d’ufficio al Club “CAPU, MU FA FARI ‘N GIRU?”. In realtà sembrava più grande e stamattina, quando si è presentato e mi ha detto la sua data di nascita, sono rimasto sorpreso. Il mare era mosso e c’era anche vento ma il suo peso “piuma” mi ha spinto a provare ed è stata la scelta giusta. Si è dimostrato più maturo della sua età ed ha contribuito notevolmente a pagaiare (c’aveva u fisicu  🙂 ) mostrandosi particolarmente curioso ed interessato. Al ritorno io ero sicuramente  stanco, ma io il fisico non ce l’ho più.  🙄 

07/07 – Valerio Leanza – 12 anni – Preceduto dallo zio Antonio Leanza, negli anni scorsi e dal fratello Alessio quest’anno, è arrivato finalmente il suo turno. La giornata si è presentata nel migliore dei modi, con lui assai curioso e buon pagaiatore. Tanto interessato che, pur con un caldo notevole, ha preferito andare avanti rimandando il primo bagno all’inizio del ritorno. Grande meraviglia nel constatare il cambiamento dei luoghi negli ultimi settant’anni e nel sentire i racconti di qual era il codice di comportamento, ai miei tempi, quando avevo la sua età, anche considerando le condizioni di vita del primo dopoguerra.    😕 

17/07 – Santo Cuttone – Anni 43 – L’anno scorso verso Ognina e quest’anno verso il Lido Scogliera d’Armisi (ex  Leotta alla Stazione Centrale), al quale si accede attraverso un tunnel che parte dietro la Fontana di Proserpina. Questo via terra. Noi invece partiamo da San Giovanni Li Cuti, costeggiamo “u scogghiu a vacca”, poi “u caitu”, il  “Porto Rossi” e quindi la Scogliera dell’Armisi, frutto di un’eruzione dell’Etna intorno al 4000 a.C., di grande valore storico naturalistico e ricco di ingrottati lavici naturali. Unico problema di oggi il libeccio che soffiava in senso contrario ed il mare mosso, con una fatica improba, almeno da parte mia, anche perché il partner, il fisico ce l’aveva.
Manco a dirlo che, al ritorno, il vento è calato del tutto mentre il mare mosso, no. In ogni caso ci siamo divertiti.  😛

19/07 – Franco Gatto – Classe 1949 – Aveva già fatta quella verso Ognina nel 2015, e stamattina alle 8 ho avuto la bella sorpresa di una telefonata per conoscere la mia disponibilità che, per fortuna, c’era per spostarci verso la Stazione. Mare calmo e leggero vento a favore ci hanno consentito  di esplorare tutti gli anfratti della Scogliera d’Armisi, cosa da me mai fatta finora in maniera così completa. Abbiamo anche notato qualche scoglio in superficie dalla forma veramente interessante da esplorare con qualche maschera subacquea. Al ritorno abbiamo trovato un vento contrario rinforzato e “rema” sicuramente sfavorevole e quindi solita (almeno per me) faticata. 😥   

26/07 – Tiziana Caltabiano- Sorella di un amico e socio del Circolo, in vacanza a Catania, conosciuta l’anno scorso e subito convinta a fare l’escursione verso Ognina. Stavolta è arrivata con già in programma l’escursione verso la Stazione. La mattinata non sembrava delle migliori, con il mare leggermente mosso e il vento che si alternava tra libeccio e maestrale. In realtà è filato tutto liscio, grazie alla sua maestria da pagaiatrice, già appresa l’anno scorso, ed alla sua forma fisica. Com’era normale è rimasta affascinata dai luoghi per lei assolutamente sconosciuti e, a scanso di equivoci, si è prenotata anche per l’anno prossimo. 😆  

01/08 – Orazio Catania – classe 1980 – Vicecampione d’Italia ALLIEVI Under 14 a Latina nel 1994, Vicecampione d’Italia RAGAZZI Under 16 a Catania nel 1996 e quarto classificato a Loano nella Finale Nazionale JUNIORES Under 18 nel 1998. Logicamente in squadre allenate da me. Per lui ho fatto l’eccezione di tornare a mare nel pomeriggio, col rischio di trovare una “levantata”. L’inizio non è stato dei migliori a causa dei suoi 100 Kg. e della mia vecchiaia, ma poi è filato tutto liscio ed al ritorno abbiamo avuto anche la possibilità di rivivere i vecchi tempi, con i miei sette anni di duri allenamenti e di partite. N’ADDIVITTEMU, VAH!  😀 

03/08 – Luigi Ferlito – classe 1962 – L’ho conosciuto, alunno non mio, al Liceo Cutelli, nel mio primo anno d’insegnamento nell’istituto e mi fu utile in qualche rappresentativa studentesca. In seguito si diplomò anche all’ISEF e diventò un valido allenatore di pallavolo, guidando varie squadre ed anche qualche rappresentativa regionale giovanile. L’ho incontrato all’inizio dell’estate e gli ho proposto di fare l’escursione, come faccio spesso con i miei amici ma con scarsi risultati. Nel suo caso è andato tutto a buon fine e penso gli sia piaciuta. Conosceva la costa ma da 500 m. di distanza, mentre stavolta ha potuto vederla da vicino e sentire le varie storielle ad essa collegate. L’impressione è che sia rimasto soddisfatto.  🙂 

04/08 – Nirmal Ambra – classe 1984 – L’ho avuto alunno nell’anno 1998/99 poi ha cambiato sezione ma il rapporto reciproco di stima è rimasto immutato. Aveva già fatto due escursioni nel 2011 e nel 2012, ma con il trasferimento a Londra, dove fa il croupier, ci siamo persi. Grande è stata quindi la mia sorpresa quando ho ricevuto un suo messaggio dove mi comunicava che sarebbe stato a Catania in questi giorni e che avrebbe avuto piacere di rivedermi, logicamente con un giro sulla tavola. In realtà il giro c’è stato, ma solo sottocosta. Appena partiti si è levato un grecale fortissimo  con un discreto moto ondoso e quindi niente escursione. Solo sole, mare e tanto, tanto parlare e stavolta è stato lui a raccontarmi qualcosa. Un’occasione che mi ha fatto pensare, con gioia e nostalgia, al mio periodo scolastico. 😆  

05/08 – Salvo Santoro – 19 anni – Conosciuto la settimana scorsa e subito interessato, mi ha contattato per prendere l’appuntamento. Causa un disguido stamattina c’eravamo “persi” ed alle dieci ho deciso di uscire da solo mentre lui era tranquillamente a mare. Abbiamo provato a recuperare e quindi, risalita per le foto, parte storico-descrittiva ed uscita dal porticciolo. A quel punto si è alzato un grecale assurdo che non consentiva alcun spostamento in avanti: diciamo che ho pagaiato per quasi 2 ore ma siamo rimasti “fermi” davanti al lido Longobardo. In ogni caso la seconda parte è stata approfondita al massimo, ora manca lo spostamento con visita alle grotte, rinviata alla prossima occasione.  😳 

06/08 – Marcela Arnaut – 21 anni – Studentessa Biotecnologie alla Sapienza (Roma) – Si è prenotata tramite un mio ex studente e pluriescursionista, alle 21 di ieri sera. Per pochi giorni a Catania, dove veniva per la prima volta, aveva sentito parlare di questa “passeggiata” sulla tavola sia dalla sorella (escursionista l’anno scorso) che dall’amico comune ed aveva deciso d provare a sua volta. La giornata, tranne un po’ di mare mosso a metà percorso, è stata bella e l’acqua limpida e pulita. I miei racconti sono risultati interessanti e quindi il divertimento assicurato, con diversi bagni per mitigare il caldo afoso. Al ritorno mi è sembrato giusto, considerato il soggetto, di costeggiare i lidi fino ad arrivare al solarium di piazza Europa.     😆 

07/08 – Maria Magro – Frequentatrice assidua di San Giovanni Li Cuti con tanti comuni amici ma nessuna conoscenza. Qualche giorno fa le ho chiesto la sua disponibilità per l’escursione e si è dimostrata subito entusiasta. Mai salita sulla tavola e mai pagaiato, abbiamo provato per la prima volta stamattina e se l’è cavata egregiamente “a coppu”. Come succede ormai da un po’ di giorni, si è levato il vento con conseguente aumento del moto ondoso. Con difficoltà abbiamo completato l’andata (niente passaggio ultima grotta-testa ro liuni, troppo pericoloso) e poi “ni luvamu a saluti” per tutto il ritorno. Arrivati alla timpa, per accorciare i tempi, è salita dalla scogliera mentre io completavo il ritorno da solo dal porticciolo. Stanchi ma sicuramente divertiti!  🙂 

09/08 – Daniele di Modica – 29 anni – Mio alunno al Cutelli corso M dal 2002 al 2007 ha fatto la prima escursione nel 2010 e da allora solo qualche sporadico incontro in qualche supermercato, ma sempre con grandi feste. Sono quindi rimasto gradevolmente sorpreso quando ieri, in tarda serata, mi ha chiesto di vederci a mare per fare la seconda. Considerando che non avevo prenotazioni ho accettato con piacere e siamo stati fortunati. Finalmente una giornata quasi senza vento e mare calmo e limpido, con direzione verso la stazione e quindi tutta la Scogliera d’Armisi, a lui sconosciuta. Tanto ma tanto anarcord, con discussioni ad ampio raggio e reciproca soddisfazione e divertimento.  😀 

10/08 – Dario Sapuppo – 38 anni – Alla sua terza esperienza (non si castia, vah!) e stavolta verso Porto Rossi –  Scogliera d’Armisi – Stazione. La giornata è stata splendida in tutti i sensi, anche considerando che ormai ci conosciamo da 27 anni, che si è presentato in ottima forma e che è dotato di un “sense of humor” di livello superiore. Grazie alle sue continue richieste, ed al caldo,  ho superato anche il record di bagni durante il tragitto. Unica pecca: ogni tanto “abbuddava i peri a moddu” e quindi era come muoversi “cco frenu a manu tiratu”. Ci siamo dati appuntamento fra un biennio ed io farò di tutto per esserci.  😎 

13/08 – Francesco Bertòlo – 26 anni – Conosciuto a S.G.L.C. nel novembre 2015, con richiesta di amicizia accettata in attesa dell’escursione, allora non fatta e quindi rimozione. Ci siamo rivisti quest’estate davanti al solarium di Piazza Europa con prova pagaia e salita sulla tavola, ma con poco ottimismo da parte mia. Invece mi ha contattato ed oggi siamo partiti regolarmente. Peccato che il vento ed il mare mosso abbiano consentito solo le prime due parti con arrivo alla prima grotta; se avessimo deciso di continuare probabilmente sarebbe intervenuta la Capitaneria di Porto. In ogni caso l’impatto è stato positivo ed abbiamo deciso di completarla nei prossimi giorni, tempo permettendo.  😡 

16/8 –  Jonathan Jouini – 15 anni – “Istituto Tecnico Nautico “Duca degli Abruzzi” – Nessuna prenotazione per oggi e quindi si prospettava una giornata abbastanza noiosa, cosa disdicevole considerando le condizioni meteo.. Poi arriva la richiesta di “fare un giro” da un gruppo di tre ragazzi, chiedo l’età e lui è l’unico che rientra nei parametri. Si entusiasma subito appena gli parlo dell’escursione, quindi si risale, si fa la parte discorsiva, scende in acqua per fare le foto e si parte. E’ rimasto veramente sorpreso e meravigliato a vedere quei luoghi per lui assolutamente sconosciuti e particolarmente alla vista delle grotte, con notevole soddisfazione mia. Notevole anche la sua padronanza nel pagaiare. Sicuramente si è divertito.  😀 

18/8 –  Umberto Alberti – 17 anni – Conosciuto l’anno scorso con subitanea organizzazione dell’escursione e richiesta di prenotazione per quest’anno. Già l’anno scorso era stata molto positiva e divertente ma quest’anno sono stati battuti tutti i record. Ormai ci si conosceva ed inoltre il suo carattere allegro e spigliato misto ad una notevole voglia di ascoltare e vedere hanno fatto il resto. Non ci siamo neanche accorti del vento, spesso contrario, e del mare leggermente mosso. Tra domande, risposte, approfondimenti anche fuori tema e qualche inevitabile bagno, il tempo è volato via ed è arrivata anche la prenotazione per qualcosa di nuovo l’anno prossimo.  😆 

31/08 – Mario Tizzoni – Classe 1948 – Arbitro di pallavolo per quasi un trentennio con carriera conclusa in serie A nel 1997. Alla sua seconda escursione, la prima nel 2015, e quindi con direzione Porto Rossi – Scogliera d’Armisi – Stazione. Ormai canoista d’esperienza è servita anche, come tutte le escursioni con vecchi amici, a rimembrare i tempi passati oltre che a vedere luoghi per lui sconosciuti, come del resto alla maggior parte dei catanesi. La giornata è stata ottima anche dal punto di vista meteorologico e sicuramente molto positiva. 🙂  

03/09 – Elena Rapisarda – 33 anni – Mia nipote, figlia di Ettore, il mio fratello più piccolo. Qualche giorno fa è venuta a farmi visita a San Giovanni Li Cuti ed io, venuto a conoscenza che sapeva sia nuotare che pagaiare, le ho proposto  di fare l’escursione verso Ognina. Con mia grande sorpresa ha accettato subito prenotandosi per oggi. Alla partenza la situazione meteo non era delle migliori a causa di un vento che poteva crearci qualche problema ma, sia per la sua forma smagliante che per le sue capacità di voga, è andato tutto meravigliosamente bene e così ha potuto conoscere anche tante storielle sui suoi nonni paterni che lei non immaginava neanche. Tra l’altro non aveva mai visto la costa lavica parte mare, rimanendo sicuramente soddisfatta.  😎 

05/09 – Giovannella Scebba – Classe 1962 di ferro – E’ arrivata al Liceo Cutelli nel 1988 una “ragazzina” considerando i vecchi/e che allignavano in quella scuola, insegnante di E.F. come il sottoscritto, con la possibilità di batterne il record di permanenza. E’ stata una delle prime escursioniste (nel 2006) e quindi stavolta pronta per la tratta S.G.L.C. Stazione, Lido Scogliera D’Armisi. Ex nuotatrice e ottima pagaiatrice, approfittando del mare calmo e pulito e della totale assenza di vento, ci siamo goduta tutta la scogliera, discutendo e saltando da un argomento all’altro e facendo anche qualche bagno. Dire che ci siamo divertiti è limitativo. MOOOOLTO DI PIU’.  😛 

22/09 – Alfredo Ventura – Classe 1955 – Portiere nel mio complesso da 33 anni, ci vediamo almeno due volte al giorno, esclusi i festivi e il periodo delle ferie e, considerando la stima reciproca, siamo diventati amici. Pur non sapendo nuotare, aveva deciso di fare l’escursione quest’estate e, appartenendo ad una generazione “ca non s’arricacca” (l’omu ppa’ parola e u voi ppe conna), arrivate le sue ferie, siamo partiti. Munito di giubbotto salvagente e da tanto coraggio (alla partenza si è rifiutato di pagaiare da solo per fare la foto di prammatica), ha acquisito sicurezza durante il tragitto. Logicamente lui, uomo di montagna, sconosceva assolutamente questi posti e quindi è stato tutto piacevole e interessante. Arrivati in porto non ha avuto difficoltà a farmi sbarcare ed anche a pagaiare per fare la foto, facendo anche a meno del giubbotto. Esperienza da ripetere.  😉 

26/09 – Grazia Battaglia – Essendo una delle frequentatrici abituali di S.G.L.C. ci conoscevamo da tempo ma lei non si decideva a fare o meno l’escursione. Nel 2010, con la figlia allora diciannovenne, a causa del mare mosso, abbiamo avuto l’unico naufragio della mia carriera  🙂 e quindi siamo stati costretti a tornare indietro causa rottura pagaia. Stamattina, mentre pagaiavo tranquillamente verso la timpa e lei prendeva il sole con alcune amiche, ho rilanciato ancora la proposta. Ha accettato a patto che tornassimo presto e quindi, saltando tutta la parte descrittiva e le foto, siamo partiti a razzo. Sconosceva tutto della scogliera vista dal mare e posso dire che è rimasta piacevolmente sorpresa. Per forza maggiore avevamo una sola pagaia e  al ritorno ha pagaiato lei per buona parte del percorso, come si usava nei primi anni. Alla fine abbiamo avuto anche il tempo di fare le foto, risalire e completare la parte descrittiva. Sicuramente soddisfatta. 😆  

15/10 – Antonio Punzo – 36 anni – Frequentatore di S.G.L.C., dove viene con la fidanzata, da un paio d’anni provava ad organizzarsi senza riuscirci. Approfittando delle belle giornate di questi giorni ha finalmente dato la sua disponibilità, anche se di domenica. Peccato che il mare, durante il tragitto, si sia un po’ increspato, rendendo difficoltoso l’ingresso nelle grotte e qualche passaggio. Abbastanza interessato agli aneddoti ed alle usanze del primo dopoguerra a Catania, anche se lui è catanzarese, alla fine sembrava soddisfatto.  🙂